Posts Tagged ‘emmott

15
Feb
13

GIRLFRIEND IN A COMA

emmott girlfriend“…Considerate la vostra semenza
fatti non foste a viver come bruti
ma per seguir virtute e canoscenza”   Dante Alighieri, Divina Commedia, Inferno canto XXVI, 116-120

“Bill Emmott cites Dante’s Divine Comedy,with its Hell and Paradise at opposite poles, as a way of understanding the split nature of Italian society: “a very Italian sort of a divide”. (John Lloyd, Financial Times)

Girlfriend in a coma (La mia ragazza è in coma) è un film-documentario realizzato nel 2012 da Bill Emmott, giornalista inglese innamorato di Dante Alighieri e Bill-Emmott-comp1dell’Italia, direttore per tredici anni della rivista inglese The Economist, per la regia di Annalisa Piras, giornalista italiana corrispondente da Londra di numerose testate giornalistiche e televisive (L’Espresso, The Guardian, La7, BBC News, CNN e altre).

good italy bad italyIl documentario è ispirato al libro dello stesso Emmott  “Good Italy, Bad Italy” e può essere scaricato, al costo di 3,90 euro, dal sito de “L’Espresso” fino al 13 marzo 2013.  Dante, il maggior poeta europeo, dice Emmott, aveva capito tutto dell’Italia e degli Italiani: se fosse ancora vivo, chi collocherebbe all’Inferno, chi in Paradiso e chi in Purgatorio? E, quasi seguendo i criteri danteschi, Emmott riconosce negli Italiani di oggi vizi e virtù, un’Italia “buona” e un’Italia “cattiva”, riconosciute come tali dagli stessi protagonisti di quest’ultimo ventennio.

Il documentario non solo cita i dati economici e sociali che documentano in modo inoppugnabile  il “declino” attuale dell’Italia nel mondo, ma a descriverlo sono gli stessi italiani intervistati dal giornalista inglese: Marchionne, Marcegaglia, Monti, Travaglio, Saviano,Grillo,  Eco ecc.

bill-emmott-intervistaEmmott intervista anche altri italiani: quelli che sono stati costretti ad emigrare e che, pur lavorando all’estero – ove sono molto apprezzati -, aspirano a ritornare in Italia, o almeno a fare di tutto perché i loro figli ritornino un giorno in un’Italia rinnovata da un popolo di onesti.

Tu proverai sì come sa di sale
lo pane altrui, e come è duro calle
lo scendere e ‘l salir per l’altrui scale.
Dante Alighieri, Divina Commedia, Paradiso, XVII 55-60

Diviso in tre ideali capitoli che rimandano allo schema della “Divina Commedia” (inferno, purgatorio e paradiso) il documentario-inchiesta di Bill Emmott e Annalisa Piras racconta il Bel Paese in piena libertà, in tutti i suoi aspetti negativi (i più: mafia, corruzione, burocrazia, inefficienza) e positivi (cultura, innovazione). E’ una fotografia impietosa, per certi versi indigeribile, un pugno nello stomaco che solo alla fine lascia intravedere una speranza di riscossa e di resurrezione, ma assai utile e illuminante, soprattutto perché ci mostra così come l’Italia è vista e immaginata dall’estero.

Contrariamente a quanto hanno sostenuto alcuni critici – che non avevano visto il documentario – questo non e’ un film “anti-Berlusconi” o che mira a screditare l’Italia; al contrario e’ un atto d’amore verso questo Paese e “una chiamata alle armi” come ha detto la Piras, un invito agli italiani onesti e, in particolar modo ai giovani, ad impegnarsi con tutte le forze affinche’ l’Italia possa uscire dalla crisi e possa cambiare in meglio.

..”Però, se ‘l mondo presente disvia,/in voi è la cagione, in voi si cheggia”  (“perciò, se il mondo presente esce fuori dalla retta via, / la causa è in voi, in voi deve essere ricercata”) Dante, Purgatorio, Canto XVI  82-83

Per scaricare il film-documentario a euro 3,90,  in anticipo sulla distribuzione nelle sale a partire da marzo (bloccata per motivi politici prima delle elezioni), vi segnalo il link de “L’Espresso”:

http://temi.repubblica.it/iniziative-girlfriend-in-a-coma/

Dante, Italia morta




Blog Stats

  • 43,262 hits