Posts Tagged ‘elizabeth browning,

27
Mag
11

ELIZABETH BARRETT BROWNING

La prima di dodici figli, nacque nel 1806 a Durham. Visse un’infanzia privilegiata grazie al padre che aveva fatto fortuna in Giamaica con le piantagioni di zucchero e aveva comprato una grande tenuta a Malvern Hills dove Elizabeth trascorreva il tempo andando a cavallo e allestendo spettacoli teatrali con la sua famiglia.
La giovane Elizabeth lesse gli autori latini oltre a Milton, Shakespeare e Dante. Aveva  soltanto dodici anni quando scrisse un poema epico. La sua passione per i classici e i metafisici fu bilanciata da un forte spirito  religioso.    Fra il 1832 e il 1837, a causa di dissesti finanziari, la famiglia Barrett traslocò tre volte per poi sistemarsi definitivamente a Londra. Nel 1938 fu pubblicata la raccolta The Seraphim and Other Poems. Nello stesso periodo, Elizabeth Barrett ebbe gravi problemi di salute che la resero invalida agli arti inferiori e la costrinsero a restare in casa e a frequentare solo due o tre persone oltre ai  familiari.
Nel 1844, l’uscita dei Poems la rese popolare e la lettura della sua raccolta di poesie spinse il poeta Robert Browning a scriverle per dirle che le aveva apprezzate molto. Nel 1845 si incontrarono e poco dopo, essendo il padre di Elizabeth fieramente contrario alle loro nozze, si sposarono di nascosto e fuggirono insieme a Firenze dove ebbero un figlio, Pen. Il padre non le parlò mai più.    A Firenze risiedevano in Piazza San Felice, in un appartamento a Palazzo Guidi che oggi è diventato il museo di Casa Guidi, dedicato alla loro memoria.     Elizabeth Barrett Browning pubblicò in seguito Sonnets from Portuguese (1850), Casa Guidi Windows (1851), Aurora Leigh (1856) e Poems before Congress (raccolta dei suoi poemi, 1860).         Fu una grande fautrice del Risorgimento italiano che descrisse puntualmente, soprattutto gli  avvenimenti del 184849. Stimava molto Cavour e si rattristò per la sua morte.
Aggravatesi le sue condizioni di salute, morì a Firenze nel 1861. È sepolta nel Cimitero degli inglesi di Firenze.
I Sonnets from the Portuguese, dedicati a suo marito e scritti in segreto prima del matrimonio, sono ritenuti dai critici tra le liriche d’amore in inglese più note e belle in assoluto e sono state paragonate a quelle di  Shakespeare e  Petrarca.     Elizabeth Barrett Browning – ENGLISH

Da “Sonetti dal portoghese”  qui sotto il “Sonetto 14” (“If thou must love me”, “Se devi amarmi”)   e il  Sonetto 43  (“How Do I Love Thee?”, “Come ti amo?”)




Blog Stats

  • 43,626 hits