18
Dic
13

10 righe di futuro

Lettera ad un Amico (a proposito dell’Euro e del movimento dei Forconi):

frase-davanzo2Come (cioè: in che senso, secondo quale significato) si può leggere e interpretare quest’ articolo del SOLE 24 ore del 12 dicembre 2013, cioè del quotidiano degli industriali italiani (a meno che non sia diventato quotidiano dei contadini italiani, a mia insaputa)?:

http://www.ilsole24ore.com/art/notizie/2013-12-12/eurozona-draghi-unione-bancaria-e-importante-ma-e-solo-tassello–094107.shtml?uuid=ABmXgZj

 Qual’è il punto più importante dell’articolo ? (N.B.: questa domanda vale per tanti altri articoli di attualità economica).
Cerchiamo di scoprirlo!
Prendiamo ad esempio SOLO una decina di  righe!
C’è un “punto di novità” rispetto a quanto conosciamo sulla base di Tv e giornali?
 Il punto  “di novità” contenuto nell’articolo potrebbe essere questo:
“Durante il dibattito a Strasburgo, è intervenuto anche il commissario agli affari monetari Olli Rehn, esortando lo stesso Draghi «a convincere il consiglio direttivo» dell’istituto monetario «a definire un meccanismo di accesso al credito». L’uomo politico finlandese, candidato alla presidenza della Commissione nel 2014, si è riferito al programma inglese funding for lending, che prevede rifinanziamenti della Banca d’Inghilterra alle banche sulla base dei loro prestiti alle imprese.
Su questo aspetto Draghi ha detto: «Se mai dovessimo decidere a un certo punto una nuova operazione di rifinanziamento a lungo termine, questa sarà preparata e messa a punto in modo da facilitare i flussi di credito all’economia». “
Queste poche righe mi fanno pensare, oltre che alla mia scarsa conoscenza della materia, anche a diverse domande “sottese” (scusa il vocabolo desueto):
Cercherò di seguire un qualche “metodo”  empirico, ad esempio individuando alcuni quesiti “cruciali”:
(1) Perchè le Banche limitano il “meccanismo di accesso al credito“, vale a dire: secondo quali criteri concedono oppure no il credito ai richiedenti?
(2) In che consiste il programma inglese “funding for lending?
(3) Cosa significa la risposta di Draghi, che comincia  con un “Se mai dovessimo….???”
 Sono  queste le “parole” che decidono del futuro di milioni di cittadini europei, compresi i nostri figli???
 Cosa sappiamo del programma “funding for lending?
Funziona? Ha funzionato? Funzionerà? 
Perchè, se funziona, l’Europa non lo adotta?
 Io non conosco la risposta a queste domande (forse nemmeno lo stesso Draghi), posso intuirla (soprattutto per quel che riguarda gli interessi delle Banche), ma certamente non la troverò  dopo aver ascoltato “Ballarò” o  “Servizio Pubblico“….!!!!
Mi ritengo tuttavia in grado di fare qualche considerazione preliminare.
Intanto gli Inglesi (è ampiamente documentato) quando fu introdotta l’Euro capirono subito che era una “fottitura” e conservano tuttora la loro sterlina…..e la loro indipendenza economica.
Basta leggere ogni tanto il  Telegraph, se si conosce l’inglese.
  Ad esempio quest’articolo:
Ti sto chiedendo troppo……?
E se ti chiedessi solo di leggere “Famiglia Cristiana“????:
Ti può essere utile questo grafico?
tasso di disoccupazione andamento
 Per me, parlare di politica senza prima documentarmi non m’interessa, perchè significa solo perder tempo a  litigare.
M’interessa invece molto approfondire i singoli problemi alla ricerca dei DATI ECONOMICI che coincidono con la REALTA’ SOCIALE odierna, che è sotto gli occhi di tutti.
Solo dopo essermi documentato, faccio 2+2 =4.
Questo metodo è l’unico che m’interessa molto, per i miei figli e per le future generazioni, non tanto per me stesso.
Mi ritengo, forse presuntuosamente,  ancora tanto lucido da capire  che: 
siamo ormai ridotti ai …cocci  perchè il vaso si è rotto!! E si è rotto per la cupidigia e l’ignoranza dei più.

Perciò questo blog si chiama “Cocci di cultura“.cocci-di-cultura

Approfondire i problemi è troppo faticoso  e richiede molta perdita di tempo!
Meglio andare avanti per slogan, forconi, PD e PDL e M5S e NCD, FI e chi più ne ha più ne metta.
Invece io credo che per ciascuno di noi le parole debbano essere “pietre”, cioè “fatti documentati”, e considero un delitto privarle di ogni significato reale.
Se per caso mastichi un po’ di francese, perchè non  leggi questo (per me) giusto (oltre che esilarante) articolo di A. Bagnai, l’economista autore de “Il tramonto dell’Euro“?:
Basta che lo leggi, quando vorrai, e mi dici poi cosa afferma di sbagliato o non basato su fatti incontrovertibili,  possibilmente documentando le tue osservazioni.
Bagnai è, con altri economisti europei, firmatario del Manifesto di solidarietà europea, riportato in questo stesso blog:

https://cucugliato.com/2013/06/01/manifesto-di-solidarieta-europea/

 
Lo so che non hai molto tempo in questo periodo, bene…non c’è alcuna fretta…!
Ti auguro Buon Natale, ma tu  non dimenticare che mi devi una risposta.

0 Responses to “10 righe di futuro”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


Blog Stats

  • 42,661 hits