18
Giu
17

Tim Cook’s MIT Commencement Address 2017

Hello, MIT!

Thank you. Congratulations class of ’17. I especially want to thank Chairman Millard, President Reif, distinguished faculty, trustees, and the members of the class of 1967. It is a privilege to be here today with your families and your friends on such on amazing and important day.

MIT and Apple share so much. We both love hard problems. We love the search for new ideas, and we especially love finding those ideas, the really big ones, the ones that can change the world. I know MIT has a proud tradition of pranks or as you would call them, hacks. And you

have have pulled off some pretty great ones over the years. I’ll never figure out how MIT students sent that Mars rover to the Kresge Oval, or put a propeller beanie on the great dome, or how you’ve obviously taken over the president’s Twitter account. I can tell college students are behind because most of the Tweets happen at 3:00 a.m.

I’m really happy to be here. Today is about celebration. And you have so much to be proud of. As you leave here to start the next leg of your journey in life, there will be days where you ask yourself, ‘Where is this all going?’ ‘What is the purpose?’ ‘What is my purpose?’ I will be honest, I asked myself that same question and it took nearly 15 years to answer it. Maybe by talking about my journey today, I can save you some time.

The struggle for me started early on. In high school, I thought I discovered my life’s purpose when I could answer that age-old question, ‘What do you want to be when you grow up?’ Nope. In college I thought I’d discover it when I could answer, ‘What’s your major?’ Not quite. I thought that maybe I’d discovered it when I found a good job. Then I thought I just needed to get a few promotions. That didn’t work either.

I kept convincing myself that it was just over the horizon, around the next corner. Nothing worked. And it was really tearing me apart. Part of me kept pushing ahead to the next achievement. And the other part kept asking, ‘Is this all there is?’ I went to grad school at Duke looking for the answer. I tried meditation. I sought guidance in religion. I read great philosophers and authors. And in a moment of youthful indiscretion, I might even have experimented with a Windows PC, and obviously that didn’t work.

After countless twists and turns, at last, 20 years ago, my search brought me to Apple. At the time, the company was struggling to survive. Steve Jobs had just returned to Apple, and had launched the ‘Think Different’ campaign. He wanted to empower the crazy ones—the misfits, the rebels and the troublemakers, the round pegs, and the square holes—to do the

best work. If we could just do that, Steve knew we could really change the world.

Before that moment, I had never met a leader with such passion or encountered a company with such a clear and compelling purpose: to serve humanity. It was just that simple. Serve humanity. And it was in that moment, after 15 years of searching, something clicked. I finally felt aligned. Aligned with a company that brought together challenging, cutting edge work with a higher purpose. Aligned with a leader who believed that technology which didn’t exist yet could reinvent tomorrow’s world. Aligned with myself and my own deep need to serve something greater.

Of course, at that moment I don’t know all of that. I was just grateful to have psychological burden lifted. But with the help of hindsight, my breakthrough makes a lot more sense. I was never going to find my purpose working some place without a clear sense of purpose of its own. Steve and Apple freed me to throw my whole self into my work, to embrace their mission and make it my own. How can I serve humanity? This is life’s biggest and most important question. When you work towards something greater than yourself, you find meaning, you find purpose. So the question I hope you will carry forward from here is how will you serve humanity?

The good news is since you are here today you are on a great track. At MIT you have learned how much power that science and technology have to change the world for the better. Thanks to discoveries made right here, billions of people are leading healthier, more productive and more fulfilling lives. And if we’re ever going to solve some of the hardest problems facing the world today, everything from cancer to climate change to educational inequality, then technology will help us to do it. But technology alone isn’t the solution. And sometimes it’s even part of the problem.

Last year I had the chance to meet with Pope Francis. It was the most incredible meeting of my life. This is a man who has spent more time comforting the inflicted in slums than with heads of state. This may surprise you, but he knew an unbelievable amount about technology. It was obvious to me that he had thought deeply about it. Its opportunity. Its risks. Its morality. What he said to me at that meeting, what he preached, really, was on a topic that we care a lot about at Apple. But he expressed a shared concern in a powerful new way: Never has humanity had such power over itself, yet nothing ensures it will be used wisely, he has said.

Technology today is integral to almost all aspects of our lives and most of the time it’s a force for good. And yet the potential adverse consequences are spreading faster and cutting deeper. The threats to security, threats to privacy, fake news, and social media that becomes antisocial. Sometimes the very technology that is meant to connect us divides us. Technology is capable of doing great things. But it doesn’t want to do great things. It doesn’t want anything. That part takes all of us. It takes our values and our commitment to our families and our neighbors and our communities, our love of beauty and belief that all of our faiths are interconnected, our decency, our kindness.

I’m not worried about artificial intelligence giving computers the ability to think like humans. I’m more concerned about people thinking like computers without values or compassion, without concern for consequences. That is what we need you to help us guard against. Because if science is a search in the darkness, then the humanities are a candle that shows us where we’ve been and the danger that lies ahead.

As Steve once said, technology alone is not enough. It is technology married with the liberal arts married with the humanities that make our hearts sing. When you keep people at the center of what you do, it can have an enormous impact. It means an iPhone that allows the blind person to run a marathon. It means an Apple Watch that catches a heart

condition before it becomes a heart attack. It means an iPad that helps a child with autism connect with his or her world. In short, it means technology infused with your values, making progress possible for everyone.

Whatever you do in your life, and whatever we do at Apple, we must infuse it with the humanity that each of us is born with. That responsibility is immense, but so is the opportunity. I’m optimistic because I believe in your generation, your passion, your journey to serve humanity. We are all counting on you. There is so much out there conspiring to make you cynical. The internet has enabled so much and empowered so many, but it can also be a place where basic rules of decency are suspended and pettiness and negativity thrive.

Don’t let that noise knock you off course. Don’t get caught up in the trivial aspects of life. Don’t listen to trolls and for God’s sake don’t become one. Measure your impact in humanity not in the likes, but the lives you touch; not in popularity, but in the people you serve. I found that my life got bigger when I stopped carrying about what other people thought about me. You will find yours will too. Stay focused on what really matters. There will be times when your resolve to serve humanity will be tested. Be prepared. People will try to convince you that you should keep your empathy out of your career. Don’t accept this false premise.

At a shareholders meeting a few years back, someone questioned Apple’s investment and focus on the environment. He asked me to pledge that Apple would only invest in green initiatives that could be justified with a return on investment. I tried to be diplomatic. I pointed out that Apple does many things, like accessibility features for those with disabilities that don’t rely on an ROI. We do the things because they are the right thing to d, and protecting the environment is a critical example. He wouldn’t let it go and I got my blood up. So I told him, “If you can’t accept our position, you shouldn’t own Apple stock.”

When you are convinced that your cause is right, have the courage to take a stand. If you see a problem or an injustice, recognize that no one will fix it but you. As you go forward today, use your minds and hands and your hearts to build something bigger than yourselves. Always remember there is no idea bigger than this. As Dr. Martin Luther King said, “All life is interrelated. We are all bound together into a single garment of destiny.” If you keep that idea at the forefront of all that you do, if you choose to live your lives at that intersection between technology and the people it serves, if you strive to create the best, give the best, do the best for everyone, not just for some, then today all of humanity has good cause for hope.

Thank you very much and congratulations class of 2017!

Grazie e congratulazioni, classe 2017.   […]   È un grande onore per me essere qui oggi con le vostre famiglie e i vostri amici, in un giorno così importante e straordinario. Il Mit e Apple hanno molto in comune: entrambi amano i problemi difficili. Amiamo cercare nuove idee e soprattutto amiamo trovare quelle idee. Idee realmente grandi, idee che possono cambiare il mondo.  […]  Sono tante le cose di cui potete andare fieri. State concludendo un ciclo per passare alla meta successiva del vostro viaggio di vita, e state certi che ci saranno giorni in cui vi chiederete «dove mi sta portando tutto questo?», «qual è lo scopo?», «qual è il mio scopo?». Sarò onesto, mi sono chiesto anch’io le stesse cose e mi ci sono voluti quasi 15 anni per trovare una risposta. E forse, parlandovi del mio viaggio, vi aiuterò a risparmiare tempo.

La mia ricerca è iniziata presto. Al liceo ho pensato di aver capito quale fosse lo scopo della mia vita quando ho trovato una risposta alla classica domanda «cosa vuoi fare da grande?». E invece no. All’università credetti di averlo scoperto quando riuscii a rispondere alla domanda «cosa sai fare meglio?». Ma non c’ero ancora. Poi pensai di averlo capito quando trovai lavoro. In seguito mi dissi che ci voleva qualche promozione. Ma neanche questo ha funzionato. Cercavo di convincermi che la risposta fosse sempre dietro l’angolo successivo. E invece no. Questa situazione mi stava distruggendo. Una parte di me continuava a spingermi ad andare avanti e a raggiungere l’obiettivo successivo. L’altra parte invece continuava a chiedere «è tutto qui?». […] Dopo una miriade di tentativi, alla fine, vent’anni fa, la mia ricerca mi ha portato in Apple. A quei tempi l’azienda stava lottando per sopravvivere. Steve Jobs era appena tornato e aveva lanciato la campagna «Think different». Voleva dare la possibilità ai folli — agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane, a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso — di fare al meglio il loro lavoro. Steve pensava che bastasse questo per poter davvero cambiare il mondo.

Prima di allora non avevo mai conosciuto un leader con una tale passione, o un’azienda con uno scopo così chiaro e trascinante: servire l’umanità. Tutto lì, servire l’umanità. Ed è stato in quel momento, dopo 15 anni di ricerca, che è scattato qualcosa. Mi sentivo finalmente allineato. Allineato con un’azienda che creava cose rivoluzionarie con uno scopo ancora più sensazionale. Allineato con un leader convinto che la tecnologia che non esisteva ancora avrebbe reinventato il mondo di domani. Allineato con me stesso e la mia profonda esigenza di fare qualcosa di più grande. Naturalmente, all’epoca non ne ero consapevole. Ero semplicemente grato che mi fosse stato tolto un peso psicologico. Ma, con il senno di poi, tutto ha acquisito un senso. Non avrei mai trovato il mio scopo lavorando in un’azienda che non avesse un suo scopo ben definito. Steve e Apple mi hanno dato la possibilità di dedicarmi con tutto me stesso al lavoro, di abbracciare la loro mission e di farla mia. Come posso servire l’umanità? Questa è la domanda più importante della vita. Quando lavori a qualcosa che è più grande di te, trovi un senso, trovi lo scopo. Quindi la domanda che spero vi poniate da questo momento in poi è «come posso servire l’umanità?».

La buona notizia è che essendo qui oggi, siete sulla buona strada. Al Mit avete imparato che la scienza e la tecnologia hanno il potere di migliorare il mondo. Grazie alle scoperte fatte proprio qui, miliardi di persone stanno conducendo una vita più sana, produttiva e appagante. E se mai riuscissimo a risolvere anche uno solo dei grandi problemi del mondo, dal cancro ai cambiamenti climatici, alla disuguaglianza educativa, sarà grazie alla tecnologia. Ma la tecnologia da sola non basta. E talvolta può anche essere parte del problema.

L’anno scorso ho avuto l’opportunità di conoscere papa Francesco. È stato l’incontro più incredibile della mia vita. È un uomo che ha passato più tempo a dare conforto agli abitanti delle favelas che a colloquio con i capi di Stato. Non ci crederete, ma sa tante cose sulla tecnologia. Era evidente che avesse studiato la materia, le sue opportunità, i rischi e l’aspetto morale. Quello che mi ha detto durante l’incontro, in una sorta di preghiera, è qualcosa che ci sta molto a cuore in Apple. Ma ha espresso questa preoccupazione condivisa in un modo completamente nuovo: l’umanità non ha mai avuto così tanto potere su se stessa, eppure nulla può garantire che questo potere sarà usato saggiamente. Oggi la tecnologia è parte integrante di quasi tutti gli aspetti della nostra vita, e la maggior parte delle volte viene usata a fin di bene. Eppure, le potenziali conseguenze negative sono sempre più concrete e incombenti. Le minacce alla sicurezza e alla privacy, le notizie false e i social media che diventano antisociali. A volte quella stessa tecnologia che è stata concepita per unirci finisce per dividerci. La tecnologia può fare grandi cose. Ma non vuole [consapevolmente, ndr] fare grandi cose. Non vuole fare niente. Questo ruolo spetta a noi. Spetta ai nostri valori e al nostro impegno verso i nostri familiari, i vicini di casa, le nostre comunità, spetta al nostro amore per la bellezza e alla convinzione che le nostre fedi sono interconnesse, al nostro senso civico e alla nostra bontà d’animo.

Non ho paura che l’intelligenza artificiale dia ai computer la capacità di pensare come gli esseri umani. Sono più preoccupato delle persone che pensano come i computer, senza valori o compassione, senza preoccuparsi delle conseguenze. Questo è quello che vi chiedo di aiutarci a combattere. Perché se la scienza è una ricerca nell’oscurità, allora l’umanità è una candela che ci mostra dove siamo e i pericoli che dobbiamo affrontare. Come disse una volta Steve, la tecnologia da sola non basta. È la tecnologia unita alle arti liberali, a loro volta unite alle scienze umanistiche, che fa cantare i nostri cuori. […]

Qualsiasi cosa facciate nella vita e qualsiasi cosa noi facciamo in Apple, dobbiamo infonderla dell’umanità con cui ciascuno di noi è nato. È una responsabilità enorme, ma lo è anche l’opportunità che ci offre. Sono ottimista perché credo nella vostra generazione, nella vostra passione, nel vostro viaggio per servire l’umanità. Contiamo tutti su di voi. Là fuori ci sono tante cose e persone che cospirano per rendervi cinici. Internet ci dà tanto ed è di supporto a moltissime persone, ma può anche essere un luogo dove le regole del buon gusto smettono di esistere e dilagano invece superficialità e negatività. Non lasciate che queste piccolezze vi portino fuori strada. Non lasciatevi abbindolare dagli aspetti triviali della vita. Non date retta ai troll e soprattutto, vi prego, non diventatelo voi stessi. Misurate il vostro impatto in termini di umanità e non di «mi piace», considerando le vite che andate a toccare; non in termini di popolarità, ma di persone che aiutate. Mi sono accorto che vivo meglio da quando ho smesso di preoccuparmi di ciò che gli altri pensano di me. Sarà lo stesso per voi. Rimanete concentrati su ciò che conta davvero. Ci saranno volte in cui la vostra dedizione a servire l’umanità verrà messa a dura prova. Siate pronti. La gente cercherà di convincervi che dovete tenere l’empatia al di fuori della vita lavorativa. Non accettate questo falso presupposto. A un’assemblea degli azionisti di alcuni anni fa qualcuno ha messo in discussione l’investimento e l’impegno di Apple a favore dell’ambiente. Mi ha chiesto di fare in modo che Apple investisse esclusivamente in iniziative ecologiche che garantissero un ritorno sull’investimento. Ho cercato di essere diplomatico. Ho sottolineato il fatto che Apple crea molte cose, per esempio le funzioni di accessibilità per chi è affetto da disabilità, che non generano un ritorno. Facciamo le cose che facciamo perché sono le cose giuste da fare, e salvaguardare l’ambiente ne è un esempio concreto. Quella persona ha continuato a insistere, finché non ho perso la pazienza e gli ho detto «se non accetti la nostra posizione, non dovresti essere un azionista Apple».

Quando siete certi che la vostra causa è giusta, dovete avere il coraggio di difenderla. Se vedete un problema o un’ingiustizia, pensate che nessuno tranne voi può risolverlo. Proseguendo nel vostro cammino, usate la vostra mente, le vostre mani e i vostri cuori per creare qualcosa che sia più grande di voi. Ricordate sempre: non esiste un’idea migliore di questa. Come disse Martin Luther King , «tutte le vite sono interconnesse. Siamo tutti legati in un unico destino». Se tenete sempre ben presente questa idea, se scegliete di vivere la vostra vita a metà strada tra la tecnologia e le persone che aiuta, se vi impegnate a creare il meglio, a dare il meglio e a fare il meglio per tutti, non solo per alcuni, allora oggi l’umanità può ben sperare.

 

04
Giu
17

Carl Sagan: un puntino nell’Universo

13
Feb
17

TIM URBAN – PROCRASTINATOR (TED)

16
Nov
16

Cambiamenti climatici

cambiamenti-climatici

Young People’s Burden

fig1

(di James Hansen, Earth Institute – Columbia University, 4 ottobre 2016)

In molti hanno salutato l’accordo di Parigi (2015)  come una panacea per il cambiamento climatico globale. Tuttavia, tragicamente, una tale prospettiva trascura di prendere in considerazione la realtà scientifica del nostro sistema climatico, che ci racconta una storia molto diversa.

La nostra ultima ricerca, Young People’s Burden: Requirement of Negative CO2 Emissions(Il fardello delle giovani generazioni: la necessità di emissioni negative di CO2), pubblicata lunedì come discussion paper su Earth System Dynamics Discussion, sottolinea come, se i governi nazionali trascurano di mettere in atto politiche aggressive in materia di clima, i giovani di oggi erediteranno un sistema climatico così alterato da richiedere processi di estrazione della CO2 dall’atmosfera proibitivamente costosi, e forse non fattibili.

Le temperature globali hanno già raggiunto il livello del periodo Eemiano (da 130.000 a 115.000 anni fa), quando il livello dei mari era 6-9 metri più alto di oggi. Considerando l’ulteriore riscaldamento “in cantiere” dovuto alla risposta ritardata del sistema climatico e l’impossibilità di una sostituzione istantanea dei combustibili fossili, un aumento ulteriore della temperatura è inevitabile.

Le continue elevate emissioni dei combustibili fossili costituiscono un peso sulle giovani generazioni, costrette a realizzare emissioni negative di CO2, che richiederebbero una massiccia estrazione tecnologica di CO2 con costi minimi stimati di 104-570 trilioni di dollari durante questo secolo, con grandi rischi e dubbia fattibilità.

Il perdurare di elevate emissioni da fonti fossili indiscutibilmente condanna i giovani ad una massiccia, forse non plausibile, “ripulitura” dell’atmosfera, oppure a impatti climatici deleteri crescenti, o ad entrambi, scenari che dovrebbero rappresentare un incentivo e un obbligo per i governi a modificare le politiche energetiche senza ulteriore indugio.

Il lavoro fornisce il necessario supporto scientifico per l’azione legale Our Children’s Trust (Coalizione dei nostri figli) contro il governo statunitense, sostenendo che i cambiamenti climatici mettono a repentaglio i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e all’aspirazione alla felicità delle prossime generazioni riconosciuti dalla Costituzione degli USA.

19
Set
16

Sahra Wagenknecht vs Merkel (Parlamento Europeo, 7/2015)

23
Mar
16

Ustica

Ustica, il nuovo film di Renzo Martinelli, esce nelle sale italiane a fine marzo. Il film è stato scritto e diretto da Renzo Martinelli, regista di altri film di impegno civile (tra cui: Vajont, Piazza delle Cinque Lune sul rapimento di Aldo Moro) .

Questa volta Martinelli affronta la tragedia di Ustica, cioè l’abbattimento di un DC9 avvenuto il 27 giugno 1980, che portò alla morte dei 77 passeggeri e dei 4 membri dell’equipaggio. Tre sono le ipotesi  avanzate sulle cause del disastro: cedimento strutturale dell’aereo, una bomba a bordo, un missile. Nessuna di queste ipotesi è stata sino ad oggi provata. Frutto del lavoro di tre anni a stretto contatto con due ingegneri aeronautici sulla mole enorme di perizie e testimonianze effettuate nel corso degli oltre trent’anni trascorsi da quella tragica notte del 27 giugno 1980, Ustica porta a una nuova, agghiacciante verità, inconfutabilmente supportata da materiale documentale.
Grande attenzione è stata dedicata alle scene di volo, realizzate con movimenti aerei veri su paesaggi reali, con l’inserimento di caccia da combattimento in 3D.

In memoria di: Tutte le vittime della strage; i piloti italiani delle Frecce Tricolori: Ivo Nutarelli e Marco Naldini; Mario Alberto Dettori  e tutti gli altri che hanno perso la vita in relazione ai fatti di Ustica. Consulta:

http://www.stragediustica.info/

http://montaigne.altervista.org/strage-di-ramstein-parla-giancarlo-nutarelli/

http://www.stragi80.it/tag/mario-alberto-dettori/

http://iltirreno.gelocal.it/grosseto/cronaca/2013/06/28/news/giallo-a-ramstein-sabotato-l-aereo-del-teste-di-ustica-1.7334759

Ascoltiamo Martinelli:

21
Feb
16

Umberto Eco: About Memory

Intervista ad Umberto Eco sulla memoria, regia di Davide Ferrario (Biennale Arte – Venezia 2015)




Blog Stats

  • 42,661 hits

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: